Senza peli sulla lingua

SARDINE DI SPERANZA

SARDINE DI SPERANZA

di Mario Cardinali

Un’emozione forte dentro, un rimescolio profondo di sangue e di sentimenti, quand’ho sentito in quella piazza di Modena il “Bella ciao” di tutti quei ragazzi e ragazze – li chiamano “sardine”.
A rinverdire una passione antica e giovane tutt’uno, un antifascismo di diritto alla vita uguali fra gli uguali, liberi fra i liberi, umani fra gli umani. Di resistenza ancora una volta a chi ci vuol comandare corpo e idee.
Sì, siamo alle “sardine” – ironia dei nomi – per ritrovare la speranza umiliata dai pescecani, i mestieranti del massacro di democrazia, bande antiche eternamente in vita di profittatori di sistema, divoratori voraci d’ogni nostro ultimo diritto a credere ancora in un mondo differente…

(Continua la lettura sul Vernacoliere in edicola, oppure abbonati su vernacoliere.com).


Le Locandine