a cura di don Mac

Il Vernacoliere mistico

Il Vernacoliere mistico

Episodi biblici
– Il Maestro
Accorse al suo venire, le turbe gli si rivolsero chiamandolo Maestro.
«Padre» invocò Lui alzando gli occhi al cielo, «diglielo te che io oramai son Professore!» E come ne venne gran tuono dal cielo, le turbe se ne sbigottirono ammirate. (“Le Confessioni di Matteo: come mi garberebbe anche a me”, vademecum per aspiranti al Trono, Nuovo Senato Editore).
– Le corse
Troppe corse per le vie del Cielo, e Lui allora ci fece mettere i Semafori Celesti. Ma confondendosi col cielo, il celeste non si vedeva bene. E dopo un bel po’ di scontri, Lui li fece fare rossi. (“Chi non si ferma va all’inferno”, manuale per la guida dei fedeli a rottadicollo, edizioni Traffico in Parrocchia).
– La televisione
«Madre,» disse il Bambinello, «accendi la televisione». «Ma non è stata ancora inventata!» sbigottì la pia signora. E il bambino zà, alzò gli occhi al cielo ed ecco apparire uno schermo gigante, con schiere d’angioletti a ballare, serafini a suonare e cherubini a cantare. (“L’importanza delle Riforme anche lassù”, edizioni Rai nuova gestione Draghi).


Le Locandine