MISERIA
Rivoluzionario discorzo der Papa

BEATI I POVERI PERCHÉ A PANCIA VOTA SI DORME MEGLIO!

Ai ricchi 'nvece ni resta tutto sullo stòmao!

BEATI I POVERI <br>PERCHÉ A PANCIA VOTA <br>SI DORME MEGLIO!

di Mario Cardinali

Sere addietro ‘r Papa era a letto che smaniava, ‘un ni riesciva piglià sonno!
– Per forza, – penzava fra sé e sé – con tutta la roba che suor Gertrude m’ha fatto ‘ngozzà… Io nielo dicevo, poi ‘un chiudo occhio, ma lei macché, dopo ‘na scudella di ‘apellini a brodo per aprì lo stòmao m’ha rifilato ‘na piattata di preciutto che menomale era cotto e ho mastiato pòo, poi un petto di pollo colla verdura ‘otta, ‘na fetta di pandoro, du’ occhi di bue, un assaggino di panettone, un moscerì per addorcì la bocca, du’ ‘antuccini cor visanto, fìi secchi colle noci, quarche nicciolina tostata bene, un ber datterone mosciomoscio, un po’ di pistacchi e du’ ‘astagnesecche da ciuccià alla televisione…

Continua la lettura sul Vernacoliere in edicola


Le Locandine