Falso invalido

Trombava coll’uccello moscio

Trombava coll’uccello moscio

Dopo ‘r ceo che vedeva la Madonna, dopo ‘r sordo che sonava a orecchio, dopo ‘r monco che si faceva le seghe con du’ mani e dopo lo zoppo che rincorreva le ‘ambiali, pareva che lo scandalo de’ farzi ‘nvalidi civili ‘un potesse riservà artre sorprese.

E ‘nvece dé, eccoti un artro che trombava coll’uccello moscio!

La scoperta l’ha fatta la moglie d’un ispettore dell’Inpse che n’è andata a sonà ‘r campanello.

— Bongiorno! — n’ha fatto appena lui n’ha aperto. — Sono la moglie dell’ispettore dell’inpse, sono venuta a controllà l’uccello!

— E perché ‘un è venuto ‘r su’ marito?!

— Dé, ‘un è mia un finocchio!

— Ma io veramente mi vergogno…

— Di me?!… Sapesse quanti ‘azzi ho visto… Se lo tiri fori, venga!

— Così alla bona?!

— No, ora ni sonerò ‘r piffero!… Allora, si decide?!

E lui s’è deciso, ‘un dubità! S’è aperto i pantaloni, spataplà, t’ha tirato fori un popò d’affare pareva la mània d’un cappotto!

Dé, a lei n’è venuto le ‘ardane!

— Alla faccia dell’uccello moscio! — ha barbottato coll’occhi perdifori. — Ma quand’è duro ‘ndove lo tiene, ner garage?!

— Macché, duro ‘un mi doventa mìa più! — l’ha rassiurata lui deciso.

— Perdavvero?! — s’è commossa lei. — O cos’ha fatto?!

— Eh, m’è scivolato ‘n terra quarche anno fa, ‘un s’è più ripreso!

— Uh, poverino, avrà battuto ‘r capo!… Dé, con quella testa… Ma ragiona sempre?

— Sa, fa ‘ discorsi a cazzo…

— Eh, c’è da ‘mmaginallo!… Ovvìa, giù, ora fo ‘r certifiato, ci metto come quarmente l’invalidità è provata… Ma ‘na seggiola ‘un ce l’ha?! Da ritta scrivo male!

— Uh, scusi, che maleduato!… Sa, colle palle ‘n mano…

Sicché lui n’ha messo ‘na seggiola sotto ‘r culo, lei ci s’è messa assedé a gambelarghe, è successo ‘r patatracche!

Stioccassi a gambelarghe lei e rizzànnisi quer mostruoso uccello a lui, è stato come un lampo!

E sai, rizzato mìa così alla bona! T’ha fatto ‘no schizzo, scappava dalla mani!

Dé, aveva voglia quer poveraccio d’agguantallo! ‘Un sentiva seghe, quer popò di boa! Puntava sulla topa pareva un missile a calore!

E quando c’è arrivato, lei ce l’ha tenuto!

— Ora ti sistemo io! — n’ha fatto a carogna, ner mentre quell’artro trapanava. — Sì sì, tromba, vai! Tanto poi ci penzo io a fa’ ‘r certifiato!

E ‘r certifiato poi l’ha fatto, ‘un dubità! ‘Ndove quarmente cià scritto paripari «uccello moscio un cazzo, questovì tromba pare un ciuo»!

Dimodoé ora a quell’imbroglione l’Inpse n’ha subito levato la penzione, e per corpa sua vedrai ora chi ci rimette son tutti quell’invalidi civili colle palle mosce perdavvero , che a loro per trombà ni c’è rimasto l’occhi soli!

Ha detto difatti ‘r Governo è l’ora di finilla con certa gente disonesta, quattrini per le penzioni ‘un ce n’è più, e da qui ‘n avanti chi cià l’uccello moscio se lo tiene!

Mario Cardinali 


Le Locandine