OPERATO D’URGENZA!

TRAMPE CIAVEVA DU’ ’AZZI NELLA TESTA!

Uno ni cel’hanno lasciato,
sennò poi ‘un ragionava più!

TRAMPE CIAVEVA <br/>DU’ ’AZZI NELLA TESTA!

di Mario Cardinali
Tutti s’apettavano ‘na topa, e ‘nvece erano du ’azzi! Ma mìa du’ ‘azzi ‘osì alla bona! Du’ popò di fave, ciavevan du’ appelle parevan du’ paraaduti aperti!
– Boia, nemmeno Siffredi! – ha stronfiato ‘r chirurgo, che lui è d’origine italiana e certi affari li ‘onosce bene.
E come l’ha tirati fori, su uno c’era ‘na svàstia propio sulla punta!
– La cràssia testiazzo nazzista! – ha spiegato ‘r professore a’ su’ assistenti, tutti lì dattorno ar cranio di Trampe a boccaperta.
E sulla ‘appella di vell’artro uccellone c’era ‘nvece un nero a buoritto, ir tìpio tattuaggio de’ razzisti a signifià che loro a’ neri nielo buttano perappunto ‘n culo!
– E ora quale ni levo? – s’è grattato ‘r capo ‘r professore….

(Continua la lettura sul Vernacoliere in edicola, oppure  acquistalo scaricando la App gratuita del Vernacoliere dall’App Store per iOS, o da Google Play per Android).


Le Locandine