LEGITTIMA DIFESA
Di notte in casa sua

SPARA AR GANZO DELLA MOGLIE SCAMBIATO PER UN LADRO

Assorto perché le corna n’avevano
dato alla testa!

SPARA AR GANZO <br/>DELLA MOGLIE <br/>SCAMBIATO PER UN LADRO

di Mario Cardinali
Lipperlì lo volevano condannà per porto abbusivo di corna esagerate, datosi che così grosse e appuntite ci voleva ‘r portodarmi. Ma quando lui n’ha fatto vedé ‘r tesserino di becco patentato, n’hanno detto ochèi, lì è a posto!
– Però dé, – ha osservato ‘r giudice – con quelle popò di ‘orna ni poteva da’ una testata, a quer disgraziato, ‘nvece di sparanni!
– Ma l’avevo preso per un ladro! Capirà, signor giudice, sono ritornato a casa verso mezzanotte, era tutto buio, ho sentito de’ rumori…
(Continua la lettura sul Vernacoliere in edicola, oppure  acquistalo scaricando la App gratuita del Vernacoliere dall’App Store per iOS, o da Google Play per Android).


Le Locandine