Emergenze sociali

SFRATTATO SFONDA UTERO IN AFFITTO C’è entrato colla famiglia e tutto!

Se la cosa piglia piede, fra poìno ‘un ci sarà più un buo libero!

SFRATTATO SFONDA UTERO IN AFFITTO <br/>C’è entrato colla famiglia e tutto!

di Mario Cardinali

È successo tutto in du’ balletti. Lo sfrattato è arrivato davanti all’utero in affitto, cià levato ‘r cartello «Affittasi a coppie ghèi e artre gente senza figlioli» e ce n’ha messo un  artro ‘ndove ciaveva scritto «Io ‘nvece di figlioli ce n’ho tre belli piccini e affamati fissi, ortre alla mi’ moglie che anc’a lei l’appetito ‘un ni manca, la mi’ socera che ‘un si riempie mai quer popò di lotro e perfino ‘r gatto che lui però s’arrangia co’ topi sennò a quest’ora l’avevo bell’e volato».
Poi ha dato ‘na pedata all’uscio e sono entrati tutti dentro, gatto compreso, che lui tutto quell’odore di topa ‘un l’aveva mai sentito e miagolava parecchio ‘nteressato.
Sicché si sono sistemati alla meglio,  co’ materassi per la terra, un po’ di ciottoli accatastati sur un tavolino e un vaso da notte per i bimbi, per ‘un falli piscià a giro…

(Continua la lettura sul Vernacoliere in edicola, oppure  acquistalo scaricando la App gratuita del Vernacoliere dall’App Store per iOS, o da Google Play per Android).


Le Locandine