Seghe ai poveri

Seghe ai poveri

Tutto è principiato allo sportello delle Poste, ‘ndove un vecchino ha riscosso la penzione mogiomogio e cor un filo di voce ha detto mi ci fo ‘na sega!

— Poveromo! — s’è ‘mpietosita ‘na dama di ‘arità che era lì ne’ pressi. — Capace ‘un ce la fa nemmeno!… Venga, ni do ‘na mano io!

Dettofatto l’ha portato da ‘na parte e dopo un ber po’ di tiraemmòlla ‘r vecchino ha detto peccato ‘un ciò le stecche ma ‘nzomma si vedeva che ora si sentiva meglio!

Dé, la dama di ‘arità ‘un istava nella pelle, dalla ‘ontentezza!

— Io è tanto che lo dìo, facciamoni du’ seghe a’ poveri! — spiegava all’artri tutta soddisfatta — ‘Un è come trombà, ma armeno godano anche loro!

Dé, dopo poìno ciaveva la fila, di poveracci che volevano godé! E mia sortanto vecchi penzionati! Anche tanti disoccupati, dimórti licenziati, un fottìo di sfrattati, un sacco d’allezziti e ‘nzomma tutti velli che li chiamano emarginati e diseredati ma poi son sempre i soliti che lo pigliano ner culo!

Allora ‘un ciaveva mani, la dama di ‘arità! Sotto uno e avanti un artro, pareva un mulinello! Centoventi seghe ‘n dodici menuti, nemmeno fusse stata un porpo!

Tantevvero a ‘n certo punto ha detto basta, qui mi slogo ‘ porzi, e sen’è andata con tant’artri poveracci rimasti a boccasciutta!

Sicché dé, tutti a brontolà!

— Seghe, seghe! — tutti a urlà, e tutti a corre’ sotto le finestre der Comune!

‘R Sindao dé, n’ha detto noi di seghe ci s’ha da fassi già le nostre, e l’ha mandati a Roma!

Che frattanto la voce s’era sparza, e ‘n quattro e quattrotto a Roma c’era zibillato, davanti ar palazzo der Governo!

— Seghe, seghe! — tutti a sbraità colle bandiere rosse ‘n mano, e quarche sindaalista chiedeva anche un ber bacino!

Sicché s’è affacciato ‘r Ministro de’ Discorsi alla Finestra:

— Italiani!… — ha ‘nviato a fa’, tutto ‘mpettito come ‘r duce.

— Ci devi fa’ le seghe, brodo! — tutti a riurlà un’artra vorta, e ‘un lo facevano parlà!

Dé, t’è arrivata la pulizzia, n’hanno ‘hiesto le seghe anc’a lei!

I pulizziotti dé, ciavevano ‘ manganelli ‘n mano, mancapòo ne li stioccano ‘n culo!

E ‘nzomma la situazione stava per degenerà, ma menomale a quer punto ‘r Polo s’è messo d’accordo coll’Ulivo e vedrai le seghe a’ poveri ‘r governo niele fa, chè!

Dopo ‘npo’ di discorsi e d’occhiolini fra ‘ partiti è stato difatti superato lo scoglio principale, valaddì ‘r finanziamento di tutta vesta storia!

Che lipperlì ‘un pare, ma anche le seghe cianno ‘r su’ ber costo! Fra manodopera specializzata e cenci per asciugà ‘n terra, ci vole un capitale!

Dimodoé i vaìni per le seghe saranno reuperati ner bilancio dell’assistenza a mano, da creà come branca speciale dell’assistenza a occhio, cólla vale ‘r governo inagurerà ‘na nova politia sociale detta perappunto delle seghe!

‘R vero probrema seddercaso è un artro, legato a ‘na domanda ‘npo’ partiolare: chi ne lo farà a’ poveri quello specìfio servizzio?

Lipperlì s’era penzato ar Ministro delle Manovelle, ma siccome era stato a scià e s’era rotto ‘r braccio, allora s’è ripiegato su quarcuno che fa l’opere di bene propio perapposta, tipo presempio le donne che loro alle seghe ci sono più portate.

Ma dé, l’assistenti sociali hanno detto subito no perché loro le seghe ‘un cel’hanno ner contratto, le dame di ‘arità n’è già bastato i porzi slogati a quella su’ ‘ollega ‘he si diceva prima, le grocerossine s’un vedano ‘r sangue ‘un si movano nemmeno, le sore cianno digià da penzà a’ preti, e le ‘nfermiere dell’ospidale cianno già da penzà a’ dottori!

E così vedrai ni toccherà all’operai ‘n cassantegrazione!

Che loro dé, è tanto che ‘r governo ni dice di fa’ quarcosa d’utile sociale! E più d’utile sociale che fa’ godé ‘n poìno anche l’allezziti, ‘un c’è mia artro!

Ortretutto i cassantegrati sono già pagati par ‘un fa’ ‘na sega loro, le potranno fa’ anc’all’artri e senza nove spese!

Mario Cardinali


  • Pastore Nero

    E’ una vita che viviamo di seghe verbali :ogni partito aveva e ha la sua specialzzazione,ma con lo scout renzino ci vogliono dare anche l’inc…lata:non ci sto al loro gioco.Alternative all’orizzonte,ahime’ non si intravedono.

Le Locandine