L'editoriale - Senza peli sulla lingua

PIAZZA PULITA

PIAZZA PULITA

di Mario Cardinali
Sarà dunque “mano libera alla polizia”, con Salvini ministro dell’interno. Le ricordiamo, un po’ di quelle mani libere, al G8 di Genova nel 2001, con i massacri e le torture della scuola Diaz e della caserma di Bolzaneto, come conclamate anche dalla Corte europea dei diritti dell’uomo. La “sospensione della democrazia”. Con Fini vicepresidente del Consiglio, non a caso, e con vecchi e nuovi arnesi del fascismo poliziesco in libera attività.
E non vede l’ora, Salvini – come più volte ansiosamente dichiarato – di cominciare a “fare pulizia di massa, quartiere per quartiere, strada per strada, piazza per piazza, con i metodi forti, se occorre”.
I metodi forti, appunto. …
(Leggi tutto il pezzo sul Vernacoliere in edicola, oppure scaricando la App gratuita del Vernacoliere dall’App Store per iOS, o da Google Play per Android).


Le Locandine