L'editoriale Senza peli sulla lingua

ODIO E POMODORI

ODIO E POMODORI

di Mario Cardinali

Chi semina odio raccoglie anche pomodori. Come Salvini, venuto il 22 aprile a provocare Livorno col suo razzismo nutrito di tanto sbandierato odio, accolto appunto a pomodorate, lanciate al grido di “siamo tutti clandestini”.
Provocazione piccola la sua, certo, e “giustificata” con la libertà d’una campagna elettorale. Ma veniva pur sempre, il provocatore leghista – insopportabilmente “fascista” per tanto popolo, oltre che razzista – in una Livorno popolare che l’insofferenza a certe provocazioni ce l’ha nel sangue.
Quella Livorno che nel 1960 – tanto per rievocare certe matrici d’un antifascismo antico, e non a caso c’era a quei tempi il governo del fascistissimo Tambroni, che provocherà poi i morti di Genova e di Reggio Emilia – scese in piazza ad accogliere in centro città le schiere dei parà della Folgore inneggianti canti fascisti e roteanti i cinturoni a minacciosa risposta per le botte prese da un commilitone che aveva infastidito una ragazza.  E quando, dopo i primi scontri con la gioventù labronica, i parà sparirono all’improvviso dal centro ed arrivarono ben più numerose e armate le colonne dei celerini in assetto antiguerriglia…

(Continua la lettura sul Vernacoliere in edicola, oppure  acquistalo scaricando la App gratuita del Vernacoliere dall’App Store per iOS, o da Google Play per Android).


Le Locandine