NOTIZIE

ESTATE
Troppe potte all’aria
Appello dell’Atorità alle donne

NON DISPERDETE I PELI DI TOPA NELL’AMBIENTE

Vanno messi ne’ ‘ontenitori apposta!
CI VIENE ‘R CONCIME
PER I CAMPI DI FAVE

NON DISPERDETE<br/> I PELI DI TOPA <br/>NELL’AMBIENTE

di Mario Cardinali

L’artro giorno un omo ha mangiato un’orata, n’ha lasciato tutti ‘ peli ‘n bocca! E ‘n gola un sapore di topa che lo ‘onvinceva pòo!
Che quand’è corso a dillo tutto ‘ncazzato ar pesciaiolo e lui n’ha detto ma magari sarà stato ‘r baccalà della su’ moglie, lipperlì si volevan prende’ per ir petto ma poi è arrivato un artro a di’ che lui i peli l’aveva trovati addirittura dentr’a un porpo!
Che dé, passi l’orata e ‘r baccalà, ma un porpo peloso ‘un s’era mai sentito ar mondo!
Sicché son andati all’Asle, e anche lì ‘un capivano più nulla! Ma no ‘r solito ‘un capì più nulla di vando ‘un capiscano nulla tutti ‘ giorni! No, questa vorta ‘un si sapevano ‘apacità d’un bimbino nato con tutti ‘ peli addosso addirittura, pareva ‘na scimmina!
Dice dé, vabbene è sortito da ‘na potta, ma qui c’è quarcosa ‘un torna!….


(Continua la lettura sul Vernacoliere in edicola, oppure  acquistalo scaricando la App gratuita del Vernacoliere dall’App Store per iOS, o da Google Play per Android).


Le Locandine