Smentite le voci maligne

MACCHÉ OMO! LA CECCARDI CIÀ LE PALLE

ma ‘un ni riesce piscià ar muro!

MACCHÉ OMO! <br/>LA CECCARDI CIÀ LE PALLE

di Mario Cardinali

E la Ceccardi cià le palle disopra, e la Ceccardi cià le palle disotto, alla fine più d’uno penzava fusse un omo perdavvero!
Aveva voglia lei di dire gaò ‘un è vero nulla, le palle cel’ho per modo di dire, ner senso che sono un tipo deciso e ‘un mi fa paura nulla, io coll’immigrati ci faccio ‘r frullato di ruspe e n’affondo anche i barconi a sputi…
Aveva voglia di fassi vedé in costume con Sarvini ar mare, che lì ’r gonfio davanti si vedeva bene propio fatto a topa…

(Continua la lettura sul Vernacoliere in edicola, oppure acquistalo scaricando la App gratuita del Vernacoliere dall’App Store per iOS, o da Google Play per Android).


Le Locandine