L'editoriale Senza peli sulla lingua

IL REGIME DEI SOLITI LADRI

IL REGIME DEI SOLITI LADRI

 

di Mario Cardinali

Oltre il disgusto, la noia. La noia disgustata di ritrovarsi sempre, come una biblica condanna, nel solito pantano della corruzione istituzionale ogni volta che ne vengono a galla nuovi pezzi, e di non aver quasi più parole per commentare ogni volta le stesse cose, le stesse ruberie di sistema, gli stessi furfanti ed intrallazzatori già colti con le mani nel sacco e poi sempre ripiazzati a rappresentarlo, quel sistema.

Divenuto ormai un regime. Contro il quale ogni volta ti senti sempre più impotente, perché mentre tu ancora t’incazzi e ti sdegni, tanta gente invece ci ha…


(Continua la lettura sul Vernacoliere in edicola, oppure acquistalo scaricando la App gratuita del Vernacoliere dall’App Store per iOS, o da Google Play per Android).


  • rikypower

    sono talmente disgustato che mi riesce difficile reagire
    è come una malattia che ti porta allo stadio”terminale” .. non riesco a reagire ..subisco

Le Locandine