L'editoriale - Senza peli sulla lingua

IL GAS, I BIMBI, I PAZZI

IL GAS, I BIMBI, I PAZZI

di Mario Cardinali

Ma che bisogno aveva di sdegnare il mondo col gasarli, quei bimbini siriani? Certo dev’essere proprio un assassino fuori d’ogni regola, quell’Assad!
O non ci sono già i bombardamenti regolari a poter massacrare chiunque – bimbi compresi – senza dover destare altrettanto orrore delle bombe chimiche?
E poteva magari limitarsi, quell’Assad, alle bombe al fluoro, chimiche anch’esse sì ma già sganciate per esempio dagli americani in Iraq  e qualcuno storse sì la bocca e arricciolò il naso, ma s’era pur sempre nel quadro d’una guerra di civiltà contro la barbarie. La barbarie del terrorismo che – ce l’hanno ben insegnato i nostri democratici mezzi d’informazione – è sempre e solo l’immediata etichetta da affibbiare a chi ammazza fuori d’ogni uso e convenzione dei popoli civili…

(Continua la lettura sul Vernacoliere in edicola, oppure  acquistalo scaricando la App gratuita del Vernacoliere dall’App Store per iOS, o da Google Play per Android).


Le Locandine