Barzellette scritte e disegnate

Barzellette scritte e disegnate

– Ma lo sai ‘sa m’è successo?! – ni racconta un omo a un su’ amìo. – L’artra sera ero ‘n casa tutto solo, tuttantratto ho sentito armanaccà all’uscio! Sicché zittozzitto ho guardato dall’occhietto màgio, c’era un ladro!
– Boia! E te cos’hai fatto?!
– Dé, ho chiamato di volata i carabinieri! Mapperò nell’emozzione ho fatto ‘r 112 alla rovescia!
– E allora?!
– E allora dé, i carabinieri sono arrivati a marciaddietro!
***

Nella pancia d’una donna ‘ncinta c’è du’ gemelli che aspettano di nasce’, e frattanto ragionano fra loro.
– Ma te cosa vòi fa’ da grande? – ni fa uno a quell’artro.
– Ah, io voglio fa’ ‘r pulizziotto! Così vedrai l’acchiappo, quella testa di ‘azzo che entra sempre a sputà e riscappa via!

***
In una chiesa guasi deserta e pòo ‘lluminata c’è una coppietta che s’infila in un confessionale a zebà. Ma dé, tuttantratto arriva ‘r prete, e ce li trova cardi cardi!
– Peccatori, avete profanato la ‘asa der Signore! – si mette a urlà con voce tremenda. – Fori di vì, troiai! E te donna riordati che partorirai con dolore, e te omo lavorerai con sudore!
– E ‘nvece l’hai ‘nculo, – ni fa la ragazza rinfilandosi li slippe – perché io piglio la pillola, e lui è ‘mpiegato ‘n Comune!

***
C’è un omo cià un uccello esagerato che ni struscia ‘n terra, e siccome ni dà parecchia noia, si va a fa’ vedé da ‘no specialista.
– Eh, caro signore, – scote la testa ‘r professore – qui l’ùnio rimedio è taglianne un po’!
– E vabbene, si taglierà! – abbozza lui, un po’ a malincore. – Pur di sta’ bene… E ‘ndove me lo taglierebbe, professore? In cima, in fondo o ‘n mezzo?
– Mah, per me è lostesso! A onni modo c’è dilà la su’ moglie, si sente anche lei!
Sicché s’affaccia alla sala d’attesa e la chiama.
– Signora, come ni si taglia l’uccello ar su’ marito?
– Taglià l’uccello?! – sfava l’occhi lei. – Ni dovete ma allungà le gambe!

***

Un omo va alla Mutua.
– Dottore, ciò ‘r bao solitario! Come posso fa’?
– Semprice, coll’ova e co’ grissini!
– Sarebbe a di’?
– Ora nielo spiego! Per dieci giorni filati lei onni mattina si deve ‘nfilà ‘nculo un ber grissino, e subito dopo c’infila anche un ovo sodo! Ma mi raccomando, tutte le mattine per dieci giorni di fila, e sempre bene attento a ’nfilassi prima ‘r grissino e poi l’ovo!
– Eppoi?
– Eppoi, all’undicesimo giorno lei ner culo ci si mette ‘r grissino solo! A quer punto ‘r bao solitario mette la testina fori, e fa: «E l’ovo?!» E lei zà, ‘na bella randellata ‘n capo!

* * *
Sona l’adunata, e ‘r maresciallo principia a passà ‘n rassegna ‘r protone de’ ‘arabinieri.
– Forza, signorine, petto ‘nfori! Sguardo fiero! Aspetto bellicoso!… Allora, rammolliti, un po’ di grinta, dai!… Ma cosa siete, donnicciole?! Diritti sull’attenti, andiamo!… Ve lo ridìo, aspetto bellicoso! ‘Un vi faccio andà via finché ‘un lo vedo!… Allora, siete sordi?! Ho detto aspetto bellicoso!
– E s’è capito che aspetta Bellicoso! –  bofonchia stressato un carabiniere a un artro. – Ma se quello ‘un viene, qui ci si fa buio!

* * *
Un cèo a un artro:
– Mi presti cento euri?
– E quando me li ridai?
– Dé, quando ci si rivede!

* * *
Ar tempo della schiavitù ebraica in Egitto c’era Dio che girava in que’ paraggi per trovà quarcuno adatto a danni i su’ comandamenti.
Sicché un giorno si presenta a un beduino:
– Senti un po’, li vòi te i mi’ comandamenti?
– E cosa sono? – ni chiede lui parecchio marfidato.
– Sono ‘na serie di cose da fa’ e da ‘un fa’! Presempio un comandamento dice che ‘un devi ammazzà!
– Tò, e come faccio? – si sfava ‘r beduino. – Come le ‘atturo le ‘arovane di ‘ammelli s’un ammazzo ‘ ‘ammellieri? Morirei di fame!
Allora Dio abborda un mercante.
– Senti un po’, ciavrei da datti du’ ‘omandamenti…
– Ma è merce bona?
– Più che merce, sono regole di ‘omportamento!
– E cosa dovrei fa’?
– Dé, presempio ‘un dovreste rubà!
– ‘Un rubà io?!  – stronfia ‘r mercante risentito. – E che mercante sarei?! Rubà è ‘r mi’ mestiere, io ‘ompro a dieci per rivende’ a mille! Sennò dé, come camperei?!
A quer punto Dio sta per ‘un fanne più di nulla, quando tuttantratto vede passà un vecchio a capo di tant’artri schiavi ebrei.
– O te chi sei?  – ni chiede ‘ncuriosito.
– Sono Mosè!
– Allora senti, Mosè, li vorreste du’ ‘omandamenti?
– E quanto ‘ostano?
– Nulla, è tutto gràtisse!
– Ah, sì?! Allora dammene dieci, vai!

* * *
Sanpietro sente sonà ‘r telefano e va a risponde’:
– Pronto, chi parla?
– Sono un ateo, volevo parlà con Dio!
– Mi dispiace, Dio ‘un c’è!
– Ma lo dicevo, io!

* * *
Un tizzio tutto pelato entra ‘n farmacia.
– Volevo quarcosa per i ‘apelli!
– C’è questa lozzione, signore! È ‘na ‘annonata!… Vole ‘r fracone grosso?
– No, mi basta vello piccino! A me ‘ ‘apelli mi garbano ‘orti!

* * *
Siccome sa che ‘r tabaccaio ci sente pòo, un omo ni fa a voce bella arta:
– Mi dia du’ buste commerciali grandi!
– O cosa urla?! – si risente un po’ offeso ‘r tabaccaio. – ’Un sono mìa sordo!… Come le vole, cor firtro o senza?

* * *
– Pronto, chi parla?
– Carzature Marisa!
– Mi scusi, ho sbagliato numero!
– Allora ce lo riporti, si guarda di ‘ambiallo!

* * *
Du’ pazzi s’incontrano nell’ascensore.
– O te qui cosa ci fai?!  – ni chiede uno a quell’artro.
– Dé, si sono riguastate le scale!

* * *
In un ristorante di Madrid una turista vede portà ar tavolino accanto ar suo un piatto con du’ grosse palle. Sicché ni chiede ar cameriere cosa sono.
– Oggi c’era la corrida, signora, quelle sono le palle del toro!
– Senti, dé!  Ma sono bone?
– Squisite, signora! Un tipico piatto madrileno!
– Allora dé, lo voglio anch’io!!
– Vabbene, signora.  Ritorni venerdi, c’è un’altra corrida.
Sicché lei ci ritorna, e ‘r cameriere ni serve le palle.
– Davvero bone! – fa lei dop’avé mangiato. – Ma come mai oggi son così piccine?
– Sa, signora, oggi è morto ‘r torero….

– Dottore, da un po’ di tempo mi succede un fatto strano! La mattina m’arzo, e mi viene subito ‘r marditesta e la voglia di vomità! Poi, dopo ‘na mezz’oretta, mi passa tutto. Cosa devo fare?
– Dé, s’arzi mezz’ora dopo!

****

Ir primo giorno di caccia un omo ritorna a casa tutto ‘ontento.
– Guarda vì, toh! – ni fa alla su’ moglie. – Pim, pum, pam, e quattro tordi!
E ‘r seondo giorno:
– Riguarda vì, toh! Pim, pum, pam, e du’ fagiani!
E ‘r terzo giorno:
– Arriguarda vì, toh! Pim, pum, pam, e cinque lodole!
E lei, ner mentre s’arza la gonnella:
– E te smincia vì, toh! Pim, pum, pam, e cento euri!

****

Un prete di ‘ampagna telefana all’ufficio d’igène ‘omunale.
– Venite subito, c’è un ciuo morto davanti alla chiesa!
E l’impiegato, a presadiùlo:
– O ‘un siete voi preti, che penzate a’ morti?
– Si, ma prima s’avverte i parenti!

****

Du’ matti decidano di scappà dar maniòmio. Zittizzitti arrivano ar cancello, che però è chiuso.
– E io passo dar buo della serratura! – dice ‘r primo matto, e pigliando la rincorsa va a batte’ ‘na tremenda testata proprio sulla serratura
– O scemo, – ni fa ‘r seondo matto – ‘un lo vedi c’è la chiave dentro?!

****

In una riserva del Farvèst c’è un indiano assedé davanti a ‘na gran pelle tutta disegnata coll’animali sopra. Passa un bianco e fa:
– O cosa vogliano di’ tutti que’ disegni?
– Questi essere tutti miei amori. – risponde l’indiano – Io trombare bisonti, coiote, cavalli, cani, orsi…
– La vacca! – fa ‘r bianco, sbigottito.
– No, vacca no! Quella essere grande amore di capo tribù, lui molto geloso!

****

Una donna va ar camerino, e siccome ‘r su’ marito ha appena ritinto ir vater senz’avvisalla, ci resta attaccata.
Sicché ar su’ marito ni tocca smontà ‘r sedile, piglialla ‘n collo, stioccalla sul letto a faccia ‘ngiù, sempre cor sedile attaccato didietro, e chiama ‘r dottore.
E quando ‘r dottore arriva, lui lo porta subito ‘n camera:
– Guardi vì, dottore!
– Bello, dé! – fa ‘r dottore, guardando la signora a buoritto. – Un culo ‘n cornice ‘un l’avevo mai visto!

*****

Dop’avé girato tutto Livorno, un ameriano ni garba così tanto che va da un orefice per portà un riordino partiolare a su’ ma’.
– Io volere orologio d’oro fatto a scudo come stemma di Livorno, per mia mamma!
– Dé, un mi par vero! – fa l’orefice, annusando l’affare.
– Poi su scudo tu fare anche Quattro Mori, per mia mamma!
– Ho capito, vai! Dé, se è per tu’ ma’…
– Poi tu mettere per mia mamma anche un poco di Porto!
– Eh, un po’ grandino, ‘r Porto! Mah, ci farò magari ‘na nave! Proprio per tu’ ma’, eh?!
– Poi tu mettere anche Montenero!
– Anche?! Dé, mi toccherà scanzà la nave!… Ma poi ‘un c’entra più i Vattro Mori! … Senti un po’, Joe! O se ‘nvece io sull’orologio ti ci facessi sortanto Montenero, cor una bella ‘asina e ‘na bella finestrina?
– Perché finestrina?
– Dé, perché così ‘r budello di tu’ ma’ ci s’affaccia, e senza ammattì tanto vede Livorno tutt’assieme!

******

Ar barre dell’arbergo una battona abborda un turista ameriano, già mèzzo briao.
– Io mi chiamo Domenica! E te?
– Io essere Gion!
– Come sei bello, Gion! Se mi dai cento dollari t’aspetto ‘n camera, alla numero diciassette!
– Okei, Domenica! Tu andare camera, io bere ancora poco e poi venire!
Lei va su, lui finisce di be’ un’artra decina di wischi, e poi va su anche lui. Ma briao fradicio com’è, sbaglia ‘amera e s’infila nella sedici. Nell’ombra vede un corpo a letto e subito ci si butta addosso, farfugliando voglioso ‘r nome di lei: – Domenica, Domenica!
Dé, a letto c’era un omo, ti sente arrivà sur groppone quer popò di ‘oso, fa ‘no scossone!
– Ma chi è, dé?!… Ma cosa vòi, eh?!
– Domenica, Domenica! – seguita a sbraità l’ameriano, stringendolo arrapato perdidietro.
Allora quell’artro si rigira a forza, lo piglia per ir collo e ni fa:
– Stammi un po’ a sentì, briao! A parte ‘r fatto che oggi è giovedì, ma a te chi te l’ha detto che io la domenia faccio ‘r finocchio?!

******

Siccome l’indomani la su’ sorella si deve sposare, una bimbina chiede a su’ ma’:
– Mamma, ma poi ‘sa fanno due che si sposano?
Su’ ma’ però ‘un risponde, e lei ne lo richiede. Ma su’ ma’ sempre zitta, e lei ‘nsiste. Sicché alla fine su’ ma’ la piglia, ni butta giù le mutandine e ni gonfia ‘r culino di manate.
– L’hai visto ‘sa succede a chi si sposa? Così ora ti ‘eti!
L’indomani la bimba s’infila nella ‘amera della su’ sorella, che tutta sorridente si sta mettendo ‘r vestito da sposa.
– Ridi, ridi! – ni fa la bimba – . Poi lo vedi, vando ti sei sposata! Ti buttano giù le mutandine, e ti fanno un culo grosso ‘osì!

******

Una ricca signora è ‘n treno cor su’ servo negro Domingo, che a ‘n certo punto ni chiede ‘r permesso d’andà a fa’ la pipì perché scoppia.
– Vabbene, Domingo, però fai presto perché sola ‘un ci voglio restà!
Domingo corre ar gabinetto ma lo trova occupato. Ma siccome ‘un pole aspettà, ritorna nello scompartimento colle gambe tutte strinte per resiste’, e si vede che patisce da morì. Alla fine la su’ padrona si commove, e ni dice:
– Senti, si fa così: ora io sorto dallo scompartimento, e chiudo le tendine. Te la fai dar finestrino, eppoi mi chiami.
Detto fatto, la signora va ner corridoio e si mette a aspettà. Passa dieci menuti, e Domingo ‘un si vede. Venti menuti, e Domingo ‘un sorte. Mezz’ora, e sempre nulla. Dopo un’ora, la signora si decide. Apre e vede Domingo al finestrino, che mette l’uccello fori e subito lo ritira dentro, lo rimette fori e lo ritira dentro, lo rimette e lo ritira, lo rimette e lo ritira …
– Ma Domingo, sa’ fai?!
– Scanzo i pali, padrona!

******

Andato in Inghilterra, Napolitano è sur parco d’onore a guardà la parata militare assieme alla regina. Passa la banda, passa la fanteria, passa la marina e l’aviatori. E alla fine passa anche la famosissima guardia reale a cavallo. E proprio un cavallo, mentre sfila sotto ‘r parco d’onore, s’arza su’ du’ zampe e molla ‘na tremenda scurreggia. La regina doventa nera, guarda Napolitano tutta vergognosa e ni sussurra:
– Scusi, presidente, sono cose che capitano. E Napolitano, gentilomo:
– ‘Un si dia pena, maestà! Io pensavo fosse stato ‘r cavallo!

******

Tema ‘n crasse: «Dite come avete passato la domenica». Svorgimento der bimbo di famiglia ricca: «Domenia siamo stati a Cortina, s’è sciato tutto ‘r giorno». Svorgimento der bimbo di famiglia media: «Io la domenia l’ho passata ar cine colla mi’ famiglia, eppoi s’è cenato fori». Svorgimento der bimbo di famiglia allezzita: «Noi domenia siamo rimasti a casa. La mi’ mamma ha fatto i fagioli rifatti, e così, fra ‘na scurreggia e l’artra, s’è passato la giornata».

******

‘Na donna si mette a pulì ‘n terra ginocchioni, e tuttantratto fa un grand’urlo:
— Corri, Piero, corri! Sono rimasta broccata, ‘un mi riesce più aisàmmi!
Dé, ‘r su’ marito arriva di volata!
— O cos’hai fatto?!
— ‘Un lo so mia, ‘un mi movo più! Sarà la schiena, vai!
—  Stai un po’ bonina, ora ti ci guardo io!… No, la schiena è a posto, piuttosto ciai ‘ ginocchi sulle puppe!

***

Una donna brocca la strada colla su’ macchina finita di traverzo, e è lì che cerca di fa’ manovra ma è pòo pràtia. Arriva un artro atumobilista, e dop’avé sonato ‘nutirmente per un po’, alla fine fa: – Signora, lo so che lei cià un ber buo davanti e uno anche più grosso didietro, ma cólla macchina ‘un ci posso mia passà!

***

Nella foresta una scimmina guarda ‘nsu verso un elefante, e colla voce tutta piena di dolore ni fa: – O! S’un entra, ‘un ti sforzà!

***

‘R maresciallo sta mettendo su un’orchestrina, e ni fa all’allievo ‘arabiniere: – E te lo sai sonà ‘r piano?
–  ‘Un lo so, maresciallo! ‘Un ciò mai provato!

***

Per la strada c’è ‘na fila di cani uno dietro all’artro. Tuttantratto arriva un artro cane e si mette ‘n fila anche lui. Passa dieci menuti, ne passa venti e ‘un succede nulla. Allora l’urtimo cane ni fa a quello davanti: – Ma si tratta d’una cagna, vero?!
E quello: – Mah, speriamo! È già tre ore ‘he sono ‘n fila!

***

Giosto pisano di ‘ampagna ‘ncontra un su’ amìo e ni fa, tutto ‘mportanzioso:
– Gumòning, Tonio!
Dé, Tonio lo guarda a boccaperta!
– O cosa vor dire?!
– È ‘ngrese, vor di’ bongiorno!
– Mi’! Ti se’ messo a studià le lingue?!
– No, ma ciò l’aradio, s’impara da cotéllo!
‘R giorno dopo Gosto lo ritrova e ni fa:
– Bonsuàr, Tonio!
– O cosa sarebbe?!
– È bonasera ‘n francese! L’ho sentito all’aradio!
Dé, a quer punto Tonio ‘nvìa a bollì, e dop’avecci rimuginato un po’ decide d’imparà le lingue anche lui. Sicché va all’elettrodomestici a chiede’ un aradio, ma però da pòo perché cià trenta euri soli. E ‘r negoziante ni rifila un vecchissimo apparecchio tutto svarvolato, bono sortanto a fa’ un sacco di rumori, tanto si vede bene che Tonio ‘un ci ‘apisce un cazzo. Passa varche giorno, e Tonio rincontra Gosto. E prima che lui apra bocca, ni fa tutto ‘mportanzioso:
– Brrz crzz, Gosto!

***

La mamma d’una bimbina fa un artro figliolo, e appena lo vede la bimbina si mette a urlà:
– Lo voglio fa’ anch’io un figliolo!
– Stai bona, ne farai uno anche te! – ni fa su’ ma’. – Mapperò da grande, se farai ammodino!
– E s’un farò ammodino?
– Allora dé, ne farai un fottìo!

***

Un giovanotto entra ‘n farmacia.
– Un tubetto di vasellina, perpiacere!
– Un’avventura d’amore, eh?! – ni strizza l’occhio ‘r farmacista.
– No, quarcosa per ir bruciaùlo!

***

Lezione di medicina.
— Un quarto di liquido seminale è uguale a mezzolitro di sangue — spiega ‘r professore.
— Ma allora, — barbotta una stidentessa — se all’improvviso quarcuno avesse bisogno d’un salasso e io ‘un so come fa’, è lostesso se ni fo ‘na sega?

***

Un giovanotto entra di ‘orsa in un commissariato di polizia.
— Voglio sporge’ denuncia, un tizio m’ha detto finocchio!
— Vabbene! — ni fa ‘r puliziotto di servizio — Lei come si chiama?
— Giovanni!
— E ‘r cognome? — Da sposata o da signorina?

****

Ir primo giorno di caccia un omo ritorna a casa tutto ‘ontento.
– Guarda vì, toh! – ni fa alla su’ moglie. – Pim, pum, pam, e quattro tordi!
E ‘r seondo giorno:
– Riguarda vì, toh! Pim, pum, pam, e du’ fagiani!
E ‘r terzo giorno:
– Arriguarda vì, toh! Pim, pum, pam, e cinque lodole!
E lei, ner mentre s’arza la gonnella:
– E te smincia vì, toh! Pim, pum, pam, e cento euri!

***

Un prete di ‘ampagna telefana all’ufficio d’igène comunale.
– Venite subito, c’è un ciuo morto davanti alla chiesa!
E l’impiegato, a presadiùlo:
– O ‘un siete voi preti, che penzate a’ morti?
– Si, ma prima s’avverte i parenti!

***

In una riserva del Farvèst c’è un indiano assedé davanti a ‘na gran pelle tutta disegnata coll’animali sopra. Passa un bianco e fa:
– O cosa vogliano di’ tutti que’ disegni?
– Questi essere tutti miei amori. – risponde l’indiano – Io trombare bisonti, coiote, cavalli, cani, orsi…
– La vacca! – fa ‘r bianco, sbigottito.
– No, vacca no! Quella essere grande amore di capo tribù, lui molto geloso!

***

Una donna va ar camerino, e siccome ‘r su’ marito ha appena ritinto ‘r vater senz’avvisalla, ci resta attaccata. Sicché ar su’ marito ni tocca smontà ‘r sedile, piglialla ‘n collo, stioccalla sul letto a faccia ‘ngiù, sempre cor sedile attaccato didietro, e chiama ‘r dottore. E quando ‘r dottore arriva, lui lo porta subito ‘n camera:
– Guardi vì, dottore!
– Bello, dé! – fa ‘r dottore, guardando la signora a buoritto. – Un culo ‘n cornice ‘un l’avevo ancora visto!

***

– Eh, voi donnacce! – urla un prete a ‘na puttana. – Siete bone sortanto a fa’ peccati, mai figlioli!
– Lo dice lei, padre! Sennò i preti dindove sortirebbero?!

***

– Questo bimbo ‘un mangia! – ni dice ‘na donna ar pediatra.
– Ma piglia la puppa o ‘r Mellin?
– La puppa!
– Faccia un po’ vedé, si levi ‘r reggipetto!
Lei se lo leva e ‘r dottore ‘nvìa a mantrugianni le puppe, a strizzànnele, a tiranni i capezzoli… E alla fine fa:
– Dé, ‘un mangia no, questo bimbo! Lei latte ‘un ce n’ha!
– Tò, ma io sono la su’ zia!

***

Un bimbino piccino è ner bagno a guardà su’ ma’ che dop’avé fatto la doccia è lì che s’asciuga ritta, co’ ‘na gamba appoggiata sulla vasca. E tuttantratto ‘r bimbo fa, ammiccando lo spacco fra le ‘osce:
— Mammina, o cos’è quer taglio?
E lei, senza danni peso:
— Nulla, tesoro, è stato babbo!
— Boia, ma è scemo?! Propio sulla fia!

***

Gigino ritorna da scola e corre da su’ pa’:
— Babbo, babbo, domani la maestra c’interroga su’ colori comparativi! Io ‘un me n’arriordo mia! Dimmene uno te, così ni dìo quello!
— Un colore comparativo? — barbotta su’ pa’. — Allora, vediamo ‘npo’… Ah, ecco! Blu cobalto!
Sicché all’indomani ‘r bimbo ritorna a scola tutto ganzo, seguitando a ripete’ fra sé e sé blu cobalto, blu cobalto, blu cobalto… Arriva la maestra e fa:
— Allora, bimbi, oggi c’è i colori comparativi!… Dimmene uno te, Giuliana! — Giallo canarino, signora maestra!
— Brava, mettiti assedé!… E ora te, Mariolino!
— Verde pisello, signora maestra!
— Bene!… E te, Fabrizio?
— Rosso tramonto, signora maestra!
— Giusto, bravo! Poi la maestra si gira verso ‘r bimbo stracomunitario che freguenta l’alimentari assieme all’artri: — Dimmene uno anche te, Mustafà!
E Mustafà, a volo:
— Blu cobalto, signora maestra!
Dé, propio ‘r colore che doveva dire Gigino! Sicché lui si sente morì! “E ora ‘sa ni dìo?!” penza fra sé tutto sgomento. E propio ‘n quer momento ecco la maestra:
— Sta a te, Gigino! Te cosa mi dici?
Lui dé, lipperlì ci penza un po’, poi guarda Mustafà…
— Negro di merda, signora maestra!

***

Un giovanotto va a Parigi con su’ pa’ e cor su’ nonno, e la sera si dividano onniuno per conto suo. Sicché passa la mezzanotte, ‘r tocco, le due, e per primo ritorna ‘n arbergo ‘r giovanotto. E ar portiere di notte ni fa, tutto felice:
— Allora, le parigine, come sono belle!
Passa artre du’ ore, e alle quattro ecco ‘r babbo tutto soddisfatto:
— Allora, le parigine, come sono brave!
Poi passa le cinque, le sei, le sette, l’otto… E quando oramai quell’artri penzavano d’andà a chiede’ notizie alla polizia, ecco finarmente anche ‘r nonno tutto contento:
— Allora, le parigine, che pazienza!

***

A scola la maestra fa lezione d’italiano.
— Via, bimbi, ditemi ‘na frase coll’avverbio probabirmente!
Sicché s’arza Katia:
— Ieri ho visto ‘r postino vicino alla bottega e probabirmente portava la posta ar bottegaio!
— Brava Katia! E ora te, Michela!
— Ieri ho visto la mi’ mamma che sortiva di ‘asa e probabirmente andava alla bottega!
A quer punto s’arza Buzzino:
— Anch’io ieri ho visto ‘r postino e la mamma di Michela vicino alla bottega, e probabirmente andavano a pipà!

***

Ir babbo di Filippetti va scola a sentì come va ‘r bimbo, e parlando colla lingua ‘nfori si presenta ar professore d’italiano:
— Bongionno, fono ‘r babbo di Filippetti!
— Filippetti?!  — si sfava quell’artro — Pell’amordiddìio, ‘r su’ figliolo ‘un capisce un cazzo! Mi dispiace, ma lo devo boccià!
Dé, quer poveromo ci resta di merda! E sempre parlando colla lingua tutta ‘nfori va dalla professoressa di matematia:
— Bongionno, fignora, volevo fapé der mi’ bimbo, è Filippetti! — Ah! Bravino ‘r su’ bimbo, sì! Per lui, due più due o sei per otto è la stessa ‘osa, boccia di siùro!
Dé, le palle ‘n terra, povero babbo! E tutto mogio arriva dar professore di disegno, sempre parlando colla lingua ‘nfori:
— Fcusi, pfofessore, io farei ‘r babbo di Filippetti…
— Filippetti?! — sbotta quell’artro cor un gran sorriso. — Tanto piacere, signore, ir su’ bimbo è un artista nato!
— Dice davvero?! — Dìo davvero sì! E’ un Raffaello ‘r su’ figliolo, un Donatello!… Guardi quella mosca sur muro, ce l’ha disegnata lui!
Allora è così vera che n’ho dato ‘na manata, guardivì che mano tutta rossa!
E ‘r babbo, additandosi la punta della lingua che tiene sempre ‘nfori:
— Dé, e lo dice a me?! A casa ‘r bimbo ha difegnato ‘na topa propio sulla stufa, guardivì che galle!

***

Sur un purma pieno zibillo c’è un omìno piccino piccino che in tutto quer pigiapigia si ritrova appiccicato a ‘na donnona grassa da morì. E siccome con quer popò di cardo lei suda a tuttandà, a un certo punto lui ‘un ne pole più e fa, cor naso arricciolato:
— Sposa, ma che profumo s’è messa?!
— Dé, è Biancaneve e i sette nani!
— Allora guardi nella boccetta, ci dev’esse’ un nano morto!

***

Un vecchio lòrde ‘ngrese è lì che si veste, aiutato dar maggiordomo Gems.
— Come mi ‘asca la giacchetta, Gems?
— Perfettamente, milòrde! Tutto a posto!
— E la camicia ‘un fa mìa le pieghe, vero?!
— No, milòrde, è tutto a posto!
— E le scarpe?
— Perfettamente lucidate, tutto a posto!
— E i pantaloni?
— Impeccabili, milòrde!
— Ma la cerniera è aperta o chiusa?
— Chiusa, milòrde!
— Allora l’uccello ‘un ce l’ho difori!
— Ma no, milòrde, è tutto a posto!
— Peccato! Propio ora che pisciavo… Fa freddo e piove.

***

Un omo ritorna a casa all’improvviso e trova la su’ moglie a letto colla finestra aperta. Sicché la va a chiude’, s’affaccia e fa, tutto sorpreso:
— Boia, Gina! Te ‘un ci crederai, c’è uno qui fori tutto gnudo!

***

C’è un finocchio va a giro cor un nano. Sicché un su’ amìo lo vede e ni fa, a presangiro:
— Uh, Giorgio, ti s’è ristretto ‘r fidanzato?
E ‘r finocchio:
— No, è ‘r dottore che m’ha messo a dieta!

***

C’è un’atumobile ne tampona un’artra, sicché s’affaccia uno tutto ‘mbervito e all’investitore ni fa:
— A te caàta!
E quell’artro:
— Misuri le parole!
— L’ho misurate, e mi c’entra caàta paripari!

***

Ir commesso d’un macellaio è un ber ragazzo che alle crienti ni garba da morì, e lui cor fatto di portà la ciccia a domicilio se ne tromba una ar giorno. Sicché quella mattina tocca alla signora der quarto piano, una topona da morì. E appena lei telafana per ordinà du’ braciole, lui ci va di rincorsa tutto arrapato, e per fa’ prima s’invìa a sbottonà per le scale e tira fori anche l’uccello! Poi sona cor fiatone ‘n gola, la porta s’apre… e c’è ‘r marito della signora che lo guarda a boccaperta! E lui, coll’uccello ‘n mano:
— Ha detto ‘r mi’ padrone che s’un mi sardate ‘r conto, vi devo piscià sull’uscio!

***

Du’ carabineri pisani vanno ‘n borghese in una casa squillo, e si rivorgano alla padrona tutti arrapati:
— Ci s’ha quindicimila lire, cosa ci si pole fare?
— Quindicimila lire?! Dé, ar massimo vi ci potete fa’ ‘na sega! – stronfia lei sdegnosa.
Sicché loro se ne vanno, e dopo ‘na mezz’ora rieccoli un’artra vorta, colle quindicimila lire ‘n mano.
— O voi?! — ni chiede sorpresa la padrona.
— Gaò, siamo venuti a pagà!

***

– Cameriere! — urla un signore ar ristorante. — Ma questa gallina cià ‘na zampa più corta di quell’artra!
— Ma perché, lei la mangia o la porta a ballà?!

***

Un venditore di granate elèttrie sona a un uscio e n’apre un bimbetto.
— Bongiorno, caro! C’è la tu’ mamma?
— No, mamma è a lavorà!
— Ah! E che lavoro fa?
— Fa la puttana!
E ‘r venditore, confuso:
— Sono propio un bastardo!
—  Dé, sono bastardo anch’io! — ni risponde ‘r bimbo. — Ma però ‘un vado mia a sonà all’usci per ridillo a tutti!

***

Un giovanotto entra all’Ene e lo mandano subito a ‘mpratichissi cor un operaio anziano che deve accomodà un palo della luce.
— L’hai visti que’ du’ cavi ‘n terra? — ni fa l’anziano dall’arto della scala. — Pigliane uno!
— Ecco, l’ho preso!
— Senti nulla?
— No, nulla!
— Allora stai attento a quell’artro, c’è la ‘orrente a dumila vòrz!

***

Una vecchina va dar dottore, che la visita e ni trova ‘r core ‘ndebolito.
— Si riguardi, signora! — ni fa tutto premuroso. — E soprattutto ‘un deve più montà le scale!
Passa un mesetto e la vecchina ritorna a visitassi.
— Brava signora! — ni dice ‘r dottore tutto soddisfatto, dop’avella rivisitata. — Ora sì che sta bene!
— Allora le posso rimontà le scale?
— Ma siùro!
— Boia, menomale! M’ero propio rotta ‘ ‘oglioni d’andà ‘nsueggiù per la grondaia!

***

Buzzino va a scola cor un paio di pantaloncini corti.
— Bimbi, — fa la maestra — oggi si fa lezione sur verbo mescere!… Giovanna, fammi un esempio te!
E la bimba, a botta:
— Io a tavola mesco sempre l’acqua ner bicchiere!
— Brava Giovanna!… E ora te, Luigi!
— Ir vinaio mesce sempre l’acqua ner vino!
— Giusto, bene!… Tocca a te, Buzzino!
Dé, Buzzino ci penza un po’, eppoi fa, tutto trionfante:
— Stamani la mi’ mamma m’ha messo i pantaloncini corti!
— E allora?!
— E allora dé, a me m’esce l’uccello!

***

All’ospidale un prestigiatore aspetta da du’ ore che la su’ moglie partorisca. Finarmente s’affaccia un’infermiera, che ni fa:
– Comprimenti, signore, n’è nato un ber conigliolo!

***

– Sicché t’é morto ‘r tu’ marito?
– Sì, quella ‘arogna! S’é fatto cremà, pe’ lasciammi dell’artra cenere a giro!

***

A un aroprano ni scoppia ‘r motore e viene disotto. ‘R pilota si butta cor paraadute, e ner mentre è lì per aria che ascende ‘ncontra ‘na vecchina che viene ‘nsu.
– Bongiorno, signora! Per caso, ‘un ha mia visto ‘ndov’è cascato ‘r mi’ apparecchio?
– No, mi dispiace! E lei per caso ‘un ha mia visto ‘ndov’è finita la mi’ bombola der gasse?

***

C’è mare grosso, e sulla nave da crociera un’anziana signora si rivorge ar capitano, parecchio ‘mpenzierita:
— Si balla un ber po’, eh?!
— Eh, abbastanza!
— Ma affondano spesso queste navi?
— No, signora! Una vorta sola!

***

— Lo sai qual è ‘r cormo per Emilio Fede?… Pulissi ‘r culo cor su’ tele-giornale!

***

Un omo va dar dottore.
— Cosa si sente? — ni chiede lui davanti all’infermiera.
Dé, quell’artro si vergogna un po’. Sicché ni fa sottovoce, tutto rosso:
— Sa, mi frizza ‘r ca… ‘r coso… l’affare… ha capito?
— Vabbene, se lo tiri fori! — ni dice ‘r dottore, e va al lavandino. Poi ritorna co’ ‘npo’ d’acqua ‘n mano, niela spruzza fra le gambe e fa:
— E ora che l’abbiamo battezzato, lo chiami pure cor su’ nome!

***

Obbrigato a sortì dall’atostrada pervìa della nebbia, un ricco omo d’affari arriva in un paesino tutto pieno di caàte di mucca e entra nell’ùnia trattoria der paese, sudicia da morì. Sicché sorte fori ‘r padrone, tutto sudicio anche lui, e ner mentre s’avvicina ar criente si gratta ‘r culo a tuttandà.
— Cià le morodi? — ni chiede ‘r criente un po’ schifato.
— No, oggi c’è sortanto la zuppa di fagioli!

***

Dopo essersi conosciuti sortanto per corrispondenza, du’ «cuori solitari» si sposano, e la prima notte di nozze si vedano finarmente gnudi. E lui s’accorge che lei cià i diti de’ piedi tutti allargati.
– O come mai ce l’hai ‘osì?
– Sai, caro, io ho fatto tanto tempo la mondina, e a caminà scarsi ner fango delle risaie ci s’allarga i diti!
Poi lei spenge la luce, e dopo ‘na mezzoretta lui fa, ner buio:
– Per me, te ‘n quer fango ellì ci siei ‘ascata anche di ‘ulo!

***

 

Di Caro licenzià copia

 

***

– Lo sai perché la topa è salata?… Perché se fosse dorce, darebbe noia a’ diabetici!

***

Di sera, du’ fidanzati sono lì che fanno l’amore sur una panchina, quando arriva all’improvviso una pantera della pulizzia. Allora ‘r giovanotto si rinfila di volata i pantaloni, e come nulla fosse si mette a fa’ la pipì.
– Cosa fa, lei?! – n’urla minaccioso un pulizziotto, accendendoni la pila ner muso.
– Io?! Dé, piscio!
– Ah sìi?! E questa?! – stronfia ‘r pulizziotto, illuminando la ragazza mezza ‘gnuda.
– Uh, ‘un l’avevo mìa vista! S’un me lo diceva lei, capace ni pisciavo addosso!

***

Ir giorno de’ morti un dottore va ar cimitero a trovà tutti i su’ parenti e amici sotterrati, e quand’ha finito ‘r giro s’avvia a sortì. Ma propio ‘n quer momento sente ‘na voce che lo chiama:
– Dottore, dottore!
Lui si guarda attorno ma ‘un vede nessuno. E la voce lo richiama:
– Dottore, sono io, son qui sotto!
E difatti la voce viene di sottoterra, da ‘na tomba.
– Sono Gigi, dottore! ‘Un se n’arriorda di me? M’ha curato per vent’anni!
Sicché ‘r dottore guarda ‘r nome e cognome sur marmo, e ni viene a mente:
– Ah, Gigi! Ma senti, dé! O come stai?… Aspetta, ti metto du’ fiori anc’a te!
– No, i fiori ‘un importa, dottore! Piuttosto, cià nulla per i bai?

***

A Roma c’è un livornese che tutte le mattine va ‘n Vatiano a sentì dalle guardie svizzere come sta ‘r papa. Dopo un po’ ‘r papa lo viene a sapé, e tutto ‘ommosso lo mandà a chiamà.
– Caro figliolo, – ni fa appena nielo portano davanti – te mi vòi propio bene, eh?!
– No, ‘r discorzo è un artro! – risponde ‘l livornese. – ‘R fatto è che ‘r dottore m’ha trovato dimorto male, e m’ha proebito di be’ e di fumà!
– Povero figliolo, ti ‘apisco! … E le donne?
– Dé, una onni morte di papa!

***

Tema ‘n crasse: «Dite come avete passato la domenica».
Svorgimento der bimbo di famiglia ricca:
«Domenia siamo stati a Cortina, s’è sciato tutto ‘r giorno».
Svorgimento der bimbo di famiglia media:
«Io la domenia l’ho passata ar cine colla mi’ famiglia, eppoi s’è cenato fori».
Svorgimento der bimbo di famiglia allezzita:
«Noi domenia siamo rimasti a casa. La mi’ mamma ha fatto i fagioli rifatti, e così, fra ‘na scurreggia e l’artra, s’è passato la giornata».

***

Di Caro moment copia

***

Andato in Inghilterra, Napolitano è sur parco d’onore a guardà la parata militare assieme alla regina. Passa la banda, passa la fanteria, passa la marina e l’aviatori. E alla fine passa anche la famosissima guardia reale a cavallo. E proprio un cavallo, mentre sfila sotto ‘r parco d’onore, s’arza su’ du’ zampe e molla ‘na tremenda scurreggia. La regina doventa nera, guarda Napolitano tutta vergognosa e ni sussurra:
– Scusi, presidente, sono cose che capitano.
E Napolitano, gentilomo:
– ‘Un si dia pena, maestà! Io pensavo fosse stato ‘r cavallo!

***

Dop’avé girato e rigirato senza piglià nulla, un cacciatore è lì che ritorna alla macchina mogiomogio, quando tuttantratto vede ‘na ‘ontadina co’ ‘na faraona sotto ‘r braccio.
– Boia, – pensa fra sé – guasiguasi sento se me la vende, così ‘un ritorno a mani vote!
Dettofatto l’abborda di volata.
– Sposa, se me la dà, niela pago anche trenta euri!
E la ‘ontadina, tutta ‘ontenta:
– Sissì, niela do! Ma la faraona chi l’arregge?

***

Di Caro licenzià copia

Di Caro Barre copia

***

A ‘na festa ‘n costume c’è un tizzio mascherato da caabòi che beve ‘ome ‘na spugna e fa ‘r ganimede con tutte le ragazze. E siccome a un certo punto vede ‘na bella figliola cor gonnellino all’avaiana, n’invia a ballà davanti la ulaùla tutto scatenato.
– Stia bono, si carmi! – ni fa lei tutta malizzosa. – Se lo vede la su’ moglie…
– La mi’ moglie?! ‘Un abbia paura, signorina, la mi’ moglie è travestita da cavallo, l’ho lasciata fori legata ar palo della luce!

***

occu lovvo

***

A Livorno c’è tre disoccupati che ragionano fra loro.
– E qui è un casino, ragazzi, ‘un si batte ‘iodo! – fa ‘r primo, tutto sconsolato.
– Dé, se s’aspetta ‘r centro per l’impiego, si fa a prima a morì! – brontola ‘r seondo.
– Io ciò un’idea! – interviene ‘r terzo. – Oggigiorno l’elemosina la ‘iedano tutti, chiediamola anche noi! Ci si stiocca un ber cartello ar collo, e via!
Dettofatto si vestano tutti allezziti, e si mettano a girà onniuno per conto suo. E alla sera si ritrovano ar barre.
– Com’è andata? – invia a chiede’ ‘r primo.
– Di lusso! – risponde tutto ‘ontento ‘r seondo. – Ho fatto cinquanta euri!
– O cosa ciai scritto sur cartello?
– Dé, che sono disoccupato, con moglie e figlioli da mantené!… E te quant’hai ruscolato?
– Cento euri!
– Boia! O com’hai fatto?
– Dé, sur cartello ciò scritto cèo, monco e sordomutolo, ha fatto effetto!
– E te? – ni ‘iedano a quer punto ar terzo, che se ne stava bonobono.
– Mah, a occhio e croce avrò reuperato trecento euri!
– Trecento?! O cosa ciavevi messo sur cartello?!
– Dé, ciò scritto «Sono pisano e voglio ritornà a casa!»

***

Cek meladai

***

Una signora sempre bella ‘n carne è a fa’ ’na girata tutta sola ‘n campagna, tuttantratto dietro a un arbero vede un contadinotto che se lo sta a mantrugià. Sicché ni s’avvicina, e ni fa tutta malizziosa:
– Ti garberebbe adoperallo in un artro modo? Te lo ‘nzegno io, vieni!
Dettofatto si sdraia, si fa montà quer ragazzotto sopra, e ni fa:
– Dai, ficcalo dentro!
E lui ce lo ficca.
– E ora ritiralo fori! – ni fa lei tutta eccitata.
E lui lo ritira fori.
– E ora rificcalo dentro!
E lui ce lo rificca.
– E ora fori un’artra vorta!
A quer punto ‘r contadinotto si ferma, la guarda un po’ sfavato e ni fa:
– Si decida, signora! Io ciò anche da lavorà!

***

Occu pittore

***

Siccome ha fatto tardi a casa d’amici e fori fa dimorto freddo, una bella signora viene riaccompagnata a casa dar figliolo d’una su’ amìa, un ragazzo tutto gentile e beneduato. O vai che strada facendo la macchina si ferma, e ‘r ragazzo ascende per guardà ‘r motore. Ma dopo poìno rieccolo dentro di volata, tutto ‘ntirizzito.
– Mi si sono diacciate le mani! – ni spiega alla signora, ner mentre ci si fiata sopra, cor tremito addosso.
– Aspetta, caro! – ni fa lei ‘ntenerita. – Mettimele fra le gambe a me, le tu’ mani, vedrai ti passa!
Dé, lui ce le mette, e ‘n du’ balletti ni doventano abbollore!
– Ecco, ora ritorna a guardare il motore, vai! – ni dice la signora cor un gran sorriso.
Sicché lui ritorna fori, ma ‘un passa du’ menuti e rieccolo un’artra vorta dentro!
– E ora cosa c’è? – domanda lei.
E lui: – Dé, mi si sono diacciati anche l’orecchi!

***

Di Caro corna copia

***

Un livornese di quelli ‘gnoranti pesi entra tutto ganzo in una banca e va dall’impiegata allo sportello.
– Sono venuto in questo ‘azzo di banca, a questo ‘azzo di sportello, per aprì un cazzo di ‘onto ‘orrente!
L’impiegata dé, ci resta di merda! Sicché chiama subito la caposala, e anc’a lei ‘ ‘l livornese ni rifà la stessa storia:
– Sono venuto in questo ‘azzo di banca, a questo ‘azzo di sportello, per aprì un cazzo di ‘onto ‘orrente!
Sicché l’impiegata e la caposala vanno di volata dar direttore a raccontanni tutto.
– Ma chi è questo cafone?! – si sfava lui, tutto risentito. – Questa è una banca seria, ma cosa si crede certa gente?! Ora ci vengo io a dinni ’r fatto suo, a quer villano!
Dettofatto ‘r direttore si dirige allo sportello colle du’ ‘mpiegate a rota, e al livornese ni fa, a ghigna dura:
– Cos’è che vorrebbe fare qui, lei?!
E lui, riattaccando ‘r disco:
– Sono venuto in questo ‘azzo di banca, a questo ‘azzo di sportello, per aprì un cazzo di ‘onto ‘orrente, che ci devo mette’ du’ millioni! E ‘r direttore, a botta:
– E queste du’ stronzole d’impiegate ‘un niel’hanno ancora detto come si fa?!

***

sardelli mosconi

***

Arrivato ‘n città durante una fiera camopionaria, un rappresentante di commercio trova l’arberghi tutti digià pieni. Sicché giragira arriva a ’na penzioncina tutta scarcinata, ‘ndove ‘r padrone ni fa:
– Io un letto sempre libero ce l’avrei, però è a du’ piazze e ci dorme digià un artro!
– Sissì, vabbene lostesso! – accetta subito ’r rappresentante, oramai diposto a tutto.
– Guardi però che quello appena chiude l’occhi russa come un trattore, con lui ‘un ci vole dormì nessuno!
– ‘Un importa, ‘un importa, io mi so arrangià! Sicché va a letto, e all’indomattina eccolo di bon’ora giù a pagà, tutto riposato.
– Allora, ha dormito? – ni chiede ‘r padrone un po’ sorpreso.
– Ho dormito sì!
– O com’ha fatto?!
– Dé, appena quell’artro s’è ficcato a letto anche lui, io mi sono avvicinato pianopiano, ho arzato ‘l lenzolo e n’ho dato un bacino su ‘na ‘iappa, eppoi un bacino anche su quell’artra!… Lei ‘un ci crederà, è stato tutta la notte a occhi spalancati!

***

Di Caro fischi e applausi

***

In campagna c’è un riccio s’innamora d’un lombrìo, anzi d’una lombrìa. Sicché si sposano, e dopo un po’ la lombrìa resta ‘ncinta. E quand’arriva ‘r momento di partorì, ir riccio la va a trovà tutto premuroso.
– Allora, cara, cos’hai fatto? Maschio o femmina?
– Mah, – sospira lei – a me mi pare un metro di filo spinato!

 

***

Pilec seghe

***

Ner mentre un tizzio se ne sta assedé ‘n treno penzando a’ ‘azzi sua, tuttantratto la bella ragazza accant’a lui n’urla, tutta risentita:
– Brutto maiale! Le vada a fa’ a su’ ma’, certe proposte!
– Ma io?! – barbotta lui, tutto rosso ‘n viso.
– Sì, propio lei! L’ho sentito bene! E ‘un faccia tanto ‘r furbo, sennò chiamo ‘r controllore!
E siccome l’artri viaggiatori lo guardano schifati, lui abbassa l’occhi vergognoso e resta lì come un cretino. Dopo un po’ però la ragazza ni s’avvicina all’orecchio:
–‘Un se n’abbia a male, signore, – ni dice pianopiano – ma io sono una studentessa di pissiologia e sto preparando una tesi sur comportamento maschile ‘n certi ‘asi!
E lui, ‘nviando a sbraità:
– Cosa?! Cento euri per pigliammelo un po’ ‘n mano?! Chissà allora quanto vole, per dammici un bacino!  

***

  greggio okkk

di caro OK

***

Siccome ni viene ‘r sospetto che la su’ moglie ni facci le ‘orna, un omo decide di ‘omprà un pappagallo parlante per avecci una spia ‘n casa. Sicché va alla bottega delle bestie, ma l’ùnio pappagallo parlante che cianno è una povera bestia senza gambe, che si regge ritta agguantandosi ar trespolo coll’uccello. Ma dé, o bé’ o affogà! Sicché lo ‘ompra lostesso, lo porta a casa e lo piazza ‘n camera da letto. Poi va a lavorà, e quando ritorna si mette a ‘nterrogallo:
– E’ venuto nessuno oggi?
E ‘r pappagallo:
– Sì, è venuto ‘l lattaio!
– E cos’ha fatto?
– Ha spogliato la tu’ moglie!
– Eppoi?!
– Eppoi n’ha baciato una puppa!
– Eppoi?!
– Eppoi si sono messi a zebà!
– Eppoi?!
– Eppoi ‘un ho visto più nulla perché mi s’è rizzato l’uccello e son cascato dar trespolo!

* * *

cek okk

* * * 

Dopo un fottìo di tentativi a voto, finarmente anche l’Italia manda ‘r su’ satellite in orbita con dentro un cane, una scimmia e un carabiniere. E arriva ‘r momento der contatto radio.
– Pronto, stai bene Fido? – ni fanno da terra ar cane.
– Bu bu! – risponde lui a volo.
– Bravo Fido, bravo! Ora stai bene attento, devi pigià ‘r bottone verde alla tu’ destra! Hai capito, Fido?
– Bu bu! – risponde un’artra vorta ‘r cane, e colla zampa pigia preciso ‘r bottone verde.
Ar che la navicella spazziale si piazza nell’orbita perbene. Poi tocca alla scimmia.
– Pronto, Cita? Anche te stai bene?
– Uh, uh! – risponde Cita regolare.
– Brava Cita, brava! Ora attenta, devi pigià ‘r bottone rosso che sta alla tu’ sinistra!
Dettofatto Cita lo pigia, e la navicella si stabilizza meglio in quota. E alla fine c’è ‘r carabiniere.
– Pronto, Giuseppe?
– Sissignore, pronto!
– Niel’hai dato da mangià ar cane e alla scimmia?
– Sissignore, niel’ho dato!
– Bravo Giuseppe! E ora attento, ‘un devi toccà nulla!

* * *  citi okk

* * *

Arrivata da un paesino di montagna senza una lira ‘n tasca, dop’avé cercato inutirmente lavoro una ragazza principia a andà coll’òmini, e siccome è bella e brava ci mette pòo a fassi un nome e a guadagnà un ber po’ di vaìni. A quer punto, per dassi anche più tono, decide di fassi fa’ ‘ biglietti da visita.
– Mapperò voglio roba scicche! – ni dice ar tipografo che ni fa vedé i campioni.
– Allora mettiamoci le cifre! – suggerisce lui.
– Dice ci stanno bene?
– Chè, danno un tono signorile!
– Allora vabbene, ce le metta!
– E che cifre ci vole?
– Cinquanta davanti, e cento didietro!

* * *

occupati okk


Le Locandine