Complotto in Vaticano! Lo volevano levà di mezzo!

ATTENTATO AR PAPA! PELI DI TOPA NE’ ‘APELLINI A BRODO!

Mancapòo si strozza! Sospetti sul Cardinal Chiavone

ATTENTATO AR PAPA! <br/> PELI DI TOPA <br/>NE’ ‘APELLINI A BRODO!

di Mario Cardinali

Ora di cena ‘n Vatiano. Ir Papa era lì che risucchiava i su’ ‘apellini a brodo, tuttantratto un urlo soffoato.
– Sora, strozzo!
Dé, la sora è corsa di volata, l’ha visto a boccaperta tutto rosso ‘n viso, ‘un respirava guasi più!
Sicché n’ha ficcato un dito ‘n gola, ni cià levato un  palloccolo di peli!
– Santità, – ha strabuzzato l’occhi – ma è topa!
– Topa?!… O che capellini sono?! – s’è sorpreso ‘r Papa, ner mentre ripigliava fiato.
Ma dé, artro ‘he capellini! Era ma un attentato bello e bono!
– Qui c’è puzzo di comprotto! – ha diarato difatti ‘r capo della gendarmeria vatiana arrivato anche lui di rincorsa, ner mentre annusava tutto ‘nsospettito ‘r palloccolo di peli.
– Di ‘osa sanno? – ha chiesto ‘ncuriosito ‘r Papa.
– Dé, di topa!… ‘Un l’ha sentiti?!
– Ma io sono ‘r Papa!
– Uh già, me n’ero scordato! Scusi tanto, Santità, con questo ‘ardo si svagella!… A onni modo è propio topa, e anche un po’ stantìa!…

(Continua la lettura sul Vernacoliere in edicola, oppure  acquistalo scaricando la App gratuita del Vernacoliere dall’App Store per iOS, o da Google Play per Android).


Le Locandine